LA STRAGE DI NATALE
Il Rapido 904, trent’anni dopo

Un documentario di Martino Lombezzi

23 dicembre 1984. È quasi Natale quando si consuma uno degli attentati più gravi e devastanti della storia repubblicana. Gli attentatori piazzano una bomba in uno scompartimento del Rapido 904, diretto da Napoli a Milano, e la fanno esplodere mentre il convoglio percorre la galleria ferroviaria più lunga d’Europa, quella che sull’Appennino collega Nord e Sud Italia, 19 chilometri nel ventre della montagna.Solo la prontezza dei macchinisti nel dare l’allarme evita che la carneficina coinvolga anche il treno che arriva in senso inverso.

Le vittime sono 16, i feriti centinaia.

La strage di Natale è una strage dimenticata, di cui oggi rimangono memorie fragili e frammentarie.
Si può considerare la prima delle stragi di mafia, che prelude agli attentati degli anni ’90. Alcuni dei responsabili sono stati condannati in via definitiva: il mafioso Pippo Calò, i suoi aiutanti Guido Cercola e Franco Di Agostino e l’artificiere tedesco Friederich Schaudinn. Le indagini hanno anche fatto luce sui complessi legami tra clan camorristi, destra neofascista partenopea e mafia siciliana.Il processo a Totò Riina, accusato di essere il mandante della strage, si è concluso a Firenze lo scorso 14 aprile con l’assoluzione.

Nel documentario sono raccolte le testimonianze dei sopravvissuti alla strage. Alcuni di loro, dopo trent’anni di silenzio, parlano oggi per la prima volta. Parlano anche alcuni dei soccorritori: ferrovieri, medici, vigili del fuoco e poliziotti che per primi entrarono in galleria, ignari dello scenario di morte e distruzione che si sarebbero trovati di fronte. Con questa parte documentaria, che formerà il corpo del film, si intrecciano altri materiali visivi, alcuni d’epoca, altri relativi al processo di Firenze, altri ancora di suggestione, che contribuiscono a sostenere le parole dei testimoni e creare un percorso emotivo attraverso le loro memorie. “La strage di Natale” è un progetto di Zona: http://www.zona.org/progetti/la-strage-di-natale/